Please select a page template in page properties.

Dizionario dei termini tecnici. La tecnologia del calore
spiegata in modo semplice.

Tutto sul riscaldamento. Dalla A alla Z

Ci sono alcuni termini tecnici che devono essere spiegati quando si parla di riscaldamento. Qui troverete tutto ciò che è importante. In ordine alfabetico.

Caldaia

Apparecchio atto a convertire, attraverso un processo di combustione, l’energia chimica dei Combustibili  in energia termica generalmente sotto forma di acqua calda. I componenti fondamentali sono: il bruciatore, il focolare e lo scambiatore di calore principale. Le caldaie Weishaupt, riducono al minimo le dispersioni grazie a scambiatori di calore efficienti e a un eccellente isolamento termico.

Caldaia a condensazione a gasolio

Caldaia  nella quale si ha la condensazione del Vapore  acqueo dei fumi. In questo modo si ha il recupero del Calore latente di condensazione  e di conseguenza maggiore efficienza energetica rispetto ad una Caldaia  tradizionale. L’apparecchio è appositamente progettato per condensare i fumi derivati dalla combustione del gasolio.

Caldaie a condensazione

Le Caldaie a condensazione  rappresentano l'apice della tecnologia in termine di riscaldamento, trovano oggi applicazione sia per abitazioni unifamiliari sia in condomini e terziario. Una tecnologia ben collaudata e comprovata, che associa ad un’elevata efficienza energetica le ridotte Emissioni  inquinanti. Hanno inoltre dei costi d’investimento contenuti che permettono il rientro dell’investimento in pochi anni. Le Caldaie a condensazione  regolano il loro calore a seconda del fabbisogno termico attraverso la Curva climatica  definita sulla temperatura esterna, utilizzano inoltre il calore latente dei fumi che sulle caldaie tradizionali viene disperso attraverso il camino. Questo recupero del calore latente,  produce Condensa  nella Caldaia , fenomeno che porta lo scambiatore ad essere resistente alla corrosione. L'efficienza delle Caldaie a condensazione  Weishaupt ha praticamente raggiunto il massimo di quanto tecnicamente possibile.

Calore latente di condensazione

Nelle Caldaie a condensazione  per calore latente si intende il calore che viene recuperato tramite la condensazione dei fumi, questo calore consente di aumentare il rendimento fino a un valore superiore al 100%. (p.c.i.). La quota di calore latente disponibile è fondamentalmente derivata dalla differenza tra Potere calorifico  superiore (p.c.s.) e inferiore (p.c.i.). E’ legato alle caratteristiche del combustile, nel caso del gas metano, la quota a disposizione è di circa 11%, nel caso del gas liquido di circa il 9% e nel caso del gasolio del 7%.

Camera di miscelazione

Componenti meccanici disposti nella parte anteriore del bruciatore che garantiscono una preparazione ottimale della miscela di combustibile e aria di combustione.

Circuiti di riscaldamento

Un impianto di riscaldamento è un impianto termico per la produzione e la distribuzione di calore. Comprende le tubazioni, i radiatori o il riscaldamento a pavimento, nonché le Pompe di circolazione   elettroniche.

CO monossido di carbonio

Il monossido di carbonio (CO) è uno degli inquinanti atmosferici più diffusi. E' un gas tossico, incolore, inodore e insapore che viene prodotto ogni volta che una sostanza contenente carbonio brucia in modo incompleto. E' più leggero dell'aria e si diffonde rapidamente negli ambienti. Una corretta taratura del bruciatore arriva di fatto ad eliminare le Emissioni  di CO.

CO2 anidride carbonica

L'anidride carbonica è un gas  che si forma nei processi di combustione, dall'unione del carbonio contenuto nei Combustibili  con 2 atomi di ossigeno presenti nell'aria  (la formula chimica è CO2). La produzione in eccesso di anidride carbonica comporta dei danni ambientali in quanto mette in pericolo l'esistenza dell'ozono, uno strato gassoso presente nell'atmosfera che protegge la terra dall'azione nociva dei raggi ultravioletti UV-C provenienti dal sole. Un altro effetto della presenza in eccesso di anidride carbonica è  il surriscaldamento climatico. Uno dei fattori che riduce le Emissioni  di anidride carbonica, è l’aumento dell’efficienza energetica dei sistemi di riscaldamento, poiché si consuma meno combustibile a parità di potenza erogata.

Combustibili

Un combustibile è una sostanza chimica che viene ossidata nel processo di combustione, una reazione chimica di ossidazione che produce energia termica. I Combustibili  più utilizzati nel settore del riscaldamento sono gas naturale, gasolio, gas liquido, biogas, ecc.. Sono essenzialmente catene di idrocarburi, composti organici che contengono soltanto atomi di carbonio e di idrogeno, la loro principale fonte in natura è di origine fossile. Il loro contenuto energetico è reso utilizzabile dalla combustione attraverso la reazione con l'Aria comburente .

Compressore

Il Compressore  di una pompa di calore crea la differenza di pressione che permette al ciclo termodinamico di funzionare. Aspira il Fluido refrigerante  attraverso l'Evaporatore , dove lo stesso  evapora a bassa pressione assorbendo calore dalla sorgente fredda, lo comprime, aumenta così la pressione e la temperatura, lo spinge all'interno del Condensatore  dove il fluido Condensa  ad alta pressione, cedendo il calore assorbito all’impianto di riscaldamento.

Condensa

Quando i fumi della combustione si raffreddano sotto il punto di rugiada, fenomeno tipico nelle Caldaie a condensazione , il Vapore  in esso contenuto diventa Condensa . Il calore prodotto da questa trasformazione, calore latente, viene ceduto all’impianto di riscaldamento

Condensatore

Il Condensatore  è uno scambiatore di calore posto all'interno di una pompa di calore. Nel Condensatore , il Vapore  surriscaldato rilascia energia termica al fluido termovettore che si trova a temperatura inferiore, in pratica all’acqua del l’impianto di riscaldamento. In questa processo di condensazione, il refrigerante passa dallo stato gassoso a liquido mantenendo alta la sua pressione.

Convezione

La Convezione  termica è uno dei tre modi di trasmissione del calore (Convezione , conduzione e irraggiamento). Il fenomeno della Convezione  termica si ha quando un fluido (come l'acqua, l'aria, i fumi della combustione) entra in contatto con un corpo la cui temperatura è maggiore di quella del fluido stesso, generando così moti convettivi, in cui il fluido caldo sale verso l'alto e quello freddo scende verso il basso. Infatti, molto spesso questo termine viene usato in relazione ai radiatori. L’aria riscaldata dal radiatore sale verso l’alto, si raffredda sul soffitto e sulle pareti e rifluisce al radiatore dove si riscalda nuovamente per poi risalire.

Curva climatica

La Curva climatica  viene utilizzata per impostare la temperatura del Generatore di calore  in relazione alla temperatura esterna. Una bassa temperatura esterna si traduce in un'alta Temperatura di mandata . L’obiettivo è quello di adeguare la potenza del generatore all’effettivo fabbisogno termico dell’impianto, in modo da massimizzare il comfort ed il risparmio energetico. Questo tipo di funzionamento consente appunto di ottenere temperature ambiente stabili e quindi maggiore comfort, lavorando con le più basse temperature di mandata possibili, al fine di limitare i consumi del generatore e di conseguenza le bollette per il riscaldamento. L'impostazione della curva è molto importante per un funzionamento efficiente e viene controllata anche durante la manutenzione.

Up